Rassegne

Carta Bianca 2006 - 2007 a Uri Caine

da lun 13 nov a mar 5 giu 2007
Fondazione Musica per Roma presenta

Giunta alla terza edizione, la rassegna Carta bianca raddoppia. Per la stagione 2006 – 2007 due artisti di grande spessore, Uri Caine e Ascanio Celestini, sono stati invitati a presentare un progetto inedito, a sperimentare nuovi percorsi. Ogni artista avrà a disposizione alcune serate in cui sarà interamente libero di scegliere cosa offrire al pubblico e di quali collaborazioni artistiche avvalersi. Carta bianca permetterà così al pubblico di conoscere un personaggio in modo approfondito e insolito e di scoprirne nuove sfaccettature. Uri Caine è uno degli artisti di spicco della scena musicale contemporanea. Pianista e compositore innovativo, è riuscito a distinguersi per le originali riletture di composizioni classiche (Bach, Mahler, Mozart, Wagner), alternando l’attività compositiva al ruolo di sideman nei contesti più diversi (le formazioni di Dave Douglas, Arto Lindsay, Sam Rivers, Rashied Alì, Don Byron. Caine). E’ stata la combinazione di importanti frequentazioni jazzistiche e gli studi di musicologia a fare di Uri Caine una personalità artistica sempre pronta a valicare e contaminare i generi musicali più diversi. Nel 2003, Uri Caine è direttore della Biennale di Venezia dove ha debuttato “The Othello Syndrome”. Oltre a essere sempre attivo come solista e con il trio insieme a Drew Gress e Ben Perowsky, recenti esecuzioni includono le “Variazioni di Diabelli” con la Cleveland Orchestra e una nuova opera commissionata dalla Basel Chamber Orchestra che lo vede impegnato nelle “Variazioni di Brahms su un tema di Haendel”. La scorsa estate ha presentato al Ravenna Festival un’opera dedicata alla memoria di Luciano Berio. In occasione del 250° compleanno di Mozart, ha presentato a Roma, in prima esecuzione assoluta, il nuovo progetto per ensemble “Round about Mozart”. Nell’ ambito della rassegna Luglio suona bene 2006, a Uri Caine e al suo ensemble è stata affidata la parte musicale del “Progetto Odissea” con Massimo Popolizio, una produzione della Fondazione Musica per Roma.