ROMA JAZZ FESTIVAL 2021

​THE VIJAY IYER TRIO "Uneasy"

Meditazione, introspezione e diritti civili

mar 16 nov | 21:00 | Sala Sinopoli
Sia come artista, sia come sostenitore dei diritti civili, Vijay, mantiene sempre un rigoroso senso della prospettiva intorno al suo lavoro sia come artista, sia come sostenitore dei diritti civili, comportandosi sempre con la diffidenza di un estraneo, nonostante un consenso emergente sulla sua importanza di compositore. Tra i suoi brani più conosciuti troviamo: "Configurations" e "Augury", una meditazione solista che funge da introspezione; “Children of Flint", il cui titolo si riferisce alla crisi umanitaria scatenata da un approvvigionamento idrico contaminato a Flint, nel Michigan e, più recentemente, "Combat Breathing" in solidarietà con il movimento Black Lives Matter. Gli altri componenti del trio sono: la bassista malese Linda May Han Oh, con il suo jazz rigoroso screziato da sonorità etniche, e Tyshawn Sorey, compositore, polistrumentista e professore di musica contemporanea, allievo di Anthony Braxton.
Vijay Iyer
pianoforte
Linda May Han Oh
contrabasso
Tyshawn Sorey
batteria
Acquista Biglietto 26.50 + diritto di prevendita