equilibrio festival 2018

Compagnie Hervé Koubi

Les Nuits Barbares, ou les premiers matins du monde

OGGI | 21:00 | Sala Petrassi
Il coreografo franco-algerino Hervé Koubi presenta a Roma il suo spettacolo più emblematico e potente, Les nuits barbares ou les premiers matins du monde. È la storia di un percorso, ogni racconto è la storia di un percorso... Cinque anni trascorsi tra l’Algeria e la Francia, sulle sponde opposte del mare che ha visto nascere tante popolazioni sradicate ed esiliate, la culla comune e indivisibile di quelle che vengono definite etnie mediterranee. Les nuits barbares ou les premiers matins du monde prende spunto dalla sconfinata e suggestiva storia del bacino mediterraneo. "...Nel contesto attuale, mi sembra sia indispensabile credere in una cultura universale e condivisa, ibridata ma unitaria, sperare in un futuro comune. Chi erano quei barbari calati dal nord, i misteriosi popoli del mare di cui la Bibbia, le cronache, gli antichi monumenti raccontano i misfatti senza mai fare davvero luce sulle loro origini? Chi erano quegli altri barbari giunti da est, Persiani, Ioni, Sciti, Babilonesi, arabo-musulmani? Di quale storia sconosciuta, dimenticata, rielaborata, assimilata o rimossa siamo eredi? Cavalieri delle steppe o costruttori di tumuli, popoli devoti o senza dei, pacifici o bellicosi, vinti eppure fecondi... Ci sono mille modi per «costruire una società». Ho scelto di rivolgere lo sguardo su ciò che mi sembra più affascinante: la perenne commistione di culture e religioni che ritengo possa aiutarmi a tracciare o, meglio ancora, a rivelare le basi di una geografia che ci accomuna tutti, da un capo all’altro del mondo, troppo spesso senza che ce ne rendiamo conto. Voglio riappropriarmi della storia, aprire gli occhi, accostarmi agli altri, correre verso la libertà... e ricordare che il termine Amazigh (barbaro) significa anche «uomo libero»". Hervé Koubi

coreografo
Hervé Koubi
assistente coreografo
Fayçal Hamlat
con
Adil Bousbara, Mohammed Elhilali, Abdelghani Ferradji, Zakaria Ghezal, Bendehiba Maamar, Giovanni Martinat, Riad Mendjel, Najib Meherhera, Mourad Messaoud, Houssni Mijem, Ismail Oubbajaddi, Issa Sanou, El houssaini Zahid
musiche di
Wolfgang Amadeus Mozart, Gabriel Fauré, Richard Wagner
musiche tradizionali algerine creazioni musicali
Maxime Bodson
arrangiamenti
Guillaume Gabriel
luci
Lionel Buzonie
OGGI | 21:00 | Sala Petrassi
Acquista Biglietto 25.00
RIDUZIONI
I Love Auditorium.